È una domanda che mi hanno fatto in diversi.
La brutta notizia è che non c’è una unica risposta. La buona notizia è che c’è uno schema per capire cosa ti conviene fare.

Ho quindi deciso di darti questo “strumento” per fare una autovalutazione su te stesso e sulla tua struttura.
Un modo per determinare in autonomia cosa ti conviene realmente fare, senza bisogno di:

– Sottostare ad indicazioni di terzi

– Dover spendere ore ed ore a spiegare ad altri la storia del tuo Centro

– Evitare di spiegare cose delicate che tutto sommato non hai piacere di condividere

Quindi, in questo articolo immagino tu abbia già un software.
Immagino che te lo sia fatto sviluppare su misura per te, e che tutto sommato sei contento.

“Se non hai niente e lavori con l’Agenda che ti regala il venditore del Banco di Scasazza sul Barro a Natale,
oppure usi Google Calendar e le fatture le fai con Fatturesulemani.net allora salta l’articolo e passa subito a scaricarti un po’ di documentazione su Vettore.Medical.

È ora di cambiare!”

Torniamo a noi, sei contento del TUO software su misura.
Diamo anche per scontato che chi te lo ha sviluppato è una persona seria, e che nei prossimi anni non decida di chiudere baracca e burattini e mettersi a coltivare bambù gigante oppure a fare il Trader online dal Brasile con la sua nuova fidanzata.

Quindi:

  • Hai un software che fa esattamente quello che vuoi che faccia
  • Capisci al volo i numeri che ti da
  • Se una mattina ti svegli e vuoi una funzione particolare, chiami il programmatore e salvo una certa cifra, ti fa qualsiasi cosa tu gli chieda in tempi accettabili

E poi la domandona che tutti si fanno:

  • Se fino ad ora ho speso X mila euro per far sviluppare il mio software, cambiarlo vorrebbe dire buttarli via

Questi sono ottimi motivi per continuare così. Ma molti tuoi colleghi, con un software fatto su misura come ti sei fatto fare tu, che ritenevano il loro software la migliore soluzione possibile, sono arrivati a pensare di doverlo cambiare urgentemente.

Perché?

Per quale motivo, tuoi pari, dopo anni di tempo dedicato con passione a far crescere la propria “creatura software”.
Dopo molte migliaia di euro investiti per sviluppare quel prodotto… decidono di cambiarlo?

Sono completamente pazzi?

Può darsi.. 😉 ma ecco cosa abbiamo scoperto andando nel profondo della loro scelta.

Riparto dai motivi per i quali avere un software personalizzato può farti contento.
Quei tre motivi che ho scritto sopra, ai quali aggiungo le considerazioni di questi tuoi colleghi.

Hai un software che fa esattamente quello che vuoi che faccia

Si, però c’è un grosso problema.

Non è detto che quello che voglio io sia il meglio possibile.

Il software che hai fatto sviluppare tu, dal programmatore sulle tue richiesta, fa quello che gli hai detto.

Ma questa è anche la sua maledizione.

FA SOLO QUELLO CHE GLI HAI DETTI TU. E lo fa solo nel modo che gli hai detto tu.

E se ci fosse un modo di farlo migliore?
Se ci fosse il modo di farlo in meno tempo, risparmiando sul tempo del personale?
Oppure in modo più soddisfacente per il cliente?

Si chiamano Best Practice.

Noi di Vettore abbiamo inserito in Vettore.Medical i migliori processi di decine e decine di Centri e Poliambulatori.
Le statistiche e gli indicatori dei Centri con le migliori performance.

Tanto per capirci, quelli che guadagnano di più.
Che hanno i clienti più soddisfatti.
Che hanno il personale meno stressato.

Alcuni di loro ce l’hanno detto in modo trasparente.

“Perché devo reinventare l’acqua calda”?
In Vettore.Medical ci sono già i migliori processi possibili.
Voglio copiare dai migliori, e poi da li crescere.

“Avere un software che fa esattamente quello che vuoi tu,
se anche tutto funziona alla perfezione
significa avere un software che fa solo quello che sei stato capace di chiedere”

Avere Vettore.Medical vuol dire entrare a far parte di una “comunità”, che ogni giorno cresce ed investe, tutta insieme, sull’eccellenza dello strumento.

Incredibilmente per entrare in questo Club esclusivo, è molto semplice. Basta sceglierlo.

Capisci al volo i numeri che ti da!

Se sei un imprenditore, ovviamente devi basare le tue decisioni anche sui numeri.

Devi tenere sotto controllo i numeri della tua organizzazione per poterla dominare ed indirizzare sulla giusta strada.

Del resto è questo quello che deve fare un imprenditore.

Non sto parlando dei numeri che ti da il tuo commercialista una, due o quattro volte all’anno nella migliore delle ipotesi.

Quelli sono numeri che arrivano troppo tardi. Se ti basassi su quelli…

“È come chiudere il cancello quando i buoi sono scappati”

(cit. di un mio Cliente)

Quindi hai sicuramente i numeri che arrivano dal tuo software. Bene.

Quali numeri controlli ogni giorno?

Quali numeri controlli ogni settimana?

Ed ogni mese?

Quali numeri metti a disposizione dei tuoi collaboratori?
(ognuno con il suo livello di visibilità ovviamente)

Questi indicatori hanno un nome, si chiamano KPI (Key Performance Indicator).

Ad esempio, quali sono i 5 Kpi fondamentali che deve avere qualsiasi Centro, anche il più piccolo?

… tic tac.. tic tac …

No, non siamo a Lascia o Raddoppia 😉
Quelli che devi assolutamente avere (non bastano ma da qualche parte bisogna iniziare) sono:

  1. NUMERO NUOVI PAZIENTI
  2. LIFETIME MEDIO PAZIENTE (poi un giorno ci scrivo un articolo scendendo nel particolare):
    • Tempo medio in cui un Paziente resta cliente,
    • fatturato medio,
    • margine medio per paziente,
    • frequenza media nella life time paziente degli episodi)
  3. NUMERO ATTIVITÀ (per giorno, mese, anno, e trend)
  4. FATTURATO per Attività e per Risorsa (media, per periodo, per tipo)
  5. MARGINE ORARIO MEDICI/TERAPISTI/STRUMENTI/SPAZI

Ora, può essere che tu dica anche “No! Ne manca uno fondamentale, manca la % del gingillometro catadiottrico asferico” e forse hai anche ragione (es. liquidità ecc..).
Ma una cosa è certa, senza quei 5 numeri la sopra, sia puntuali sia come trend, non puoi realmente dominare il tuo business.

Poi la cosa veramente importante, non è tanto averli, li puoi avere anche se lavori a mano segnandoti gli appuntamenti sul retro del foglio giallo del salumiere.

L’importante è averli ogni giorno. In modo che ti entrino nel DNA.
I tuoi KPI devono essere per te come il contagiri del pilota di formula 1. Li guardi, ed in 2 secondi hai chiara la situazione. Poi se vuoi entri nel dettaglio, ma se non serve… ci si riguarda domani.

Per farlo devi però avere un sistema che li calcoli da solo, e che te li dia sotto il naso ogni giorno.

Quindi, in sintesi:

  • Ci sono indicatori standard che tutti dovrebbero vedere? SI
  • E’ importante che ogni imprenditori possa vedere oltre a quelli standard anche i SUOI numeri? SI, certo.

Ed anche

  • “È fondamentale che il sistema li calcoli senza bisogno dell’intervento umano”

Se una mattina ti svegli e vuoi una funzione particolare, chiami il programmatore e salvo una certa cifra, ti fa qualsiasi cosa tu gli chieda

È chiaro. Avere un software fatto per te, apposta per te, ti consente di chiedere qualsiasi modifica e vedere realizzata qualsiasi richiesta ti passi per la testa.

Giusto?

Oppure in realtà non è proprio così?

Parliamoci fuori dai denti. Lasciamo da parte la teoria e passiamo alla pratica.

Quante sono le cose che vorresti nel software ed in realtà non hai mai realmente chiesto?

Quante sono le cose che hai chiesto, ma che alla fine costavano troppo ed hai rimandato?

Quante sono le cose che hai deciso di far fare, ma che poi alla fine non ti hanno mai consegnato o completato?

La verità è che molto spesso, e ce lo hanno detto i nostri clienti, quello che in realtà fa il programma personalizzato su misura oggi, è sostanzialmente quello che era stato più o meno progettato all’inizio.

Poi gli anni sono passati, sono state aggiunte tante funzionalità, ma oramai per aggiungerne di nuove andrebbe riscritto.

Ti suona familiare o no?

Dimmi la verità vè… che se mi menti me ne accorgo!

Facciamo qualche esempio:

  • Hai la prenotazione online via web, direttamente integrata nel calendario?
  • Hai la firma grafometrica su tablet come in Banca?
  • Hai l’anamnesi su Tablet da dare al paziente mentre è in attesa?
  • Hai l’APP per iPhone per i pazienti? E per Android?
  • Hai l’APP per i Medici ed i Terapisti?
  • Puoi collegarti a software via web da qualsiasi posto tu sia?
  • Hai la chat con tutti i colleghi dentro al gestionale?
  • Hai il marketing integrato dentro al gestionale?
  • Hai la contabilità integrata evitando al commercialisti di ridigitare le fatture?
  • I tuoi Medici usano il software per la Cartella Clinica e la Refertazione?

Potrei continuare per pagine e pagine.

I nostri clienti che avevano un software personalizzato ci hanno rivelato che potevano permettersi di pagare il programmatore al massimo per 2-3 mesi all’anno a loro dedicati.

Noi di Vettore dedichiamo almeno 60 mesi / uomo all’anno nello sviluppo di nuove funzionalità.

Non sto parlando di quelli che fanno l’assistenza, od i corsi.
Sto parlando di programmatori che fanno solo quello.

In questo modo, noi sviluppiamo 20-30 volte di più di quanto potresti fare tu, ogni anno.

In pratica è come se ogni anno, noi andassimo avanti di 30.

Dopo due anni, il tuo software è indietro di 60 anni dal nostro. Abbiamo la forza di sopraspendere in modo impressionante rispetto a chiunque.

E’ per questo che quando facciamo una presentazione restano tutti a bocca aperta.
(e considera che non siamo bravi venditori.. solo tecnici).

Se fino ad ora ho speso Xmila euro per far sviluppare il mio software, cambiarlo vorrebbe dire buttarli via

Questa è la domandona!

Nel senso che è la domanda che tutti coloro hanno un software su misura si fanno.

Paradossalmente è quella a cui è più veloce rispondere. Non devo spiegare troppo. Quindi te la faccio breve.

Innanzitutto quello che hai speso per fare il software che hai.. li hai spesi e basta. Il tuo software non è come un palazzo che puoi rivendere.

In pratica non ha valore, perché nessuno sarebbe disposto a comprarlo. Se riesci a focalizzare questo sei già a buon punto.

Ma ora la vera informazione utile:

Vettore.Medical non costa.

In pratica, e te lo rivelo qui nel blog senza tanti giri di parole:

Il prezzo di Listino di Vettore.Medical è 0 (zero) Euro.

Vettore.Medical è un canone, un canone che include tutto, l’uso, i server, gli aggiornamenti, i servizi, tutto.

Se ti fa stare meglio puoi vederla così… il tuo software lo rottami e puoi prendere Vettore.Medical senza costi. E da quando lo installi paghi il canone.

Punto. Partita. Game.

Te la rifaccio.

Vettore.Medical è un programma che gira su web.

Questo significa che non c’è bisogno di Server. Ma neppure di installarlo da nessuna parte. Quindi questi costi, sono zero.

Proprio perché è via web, gira sui nostri server, non lo vendiamo, ma lo diamo in uso.

Insomma una specie di noleggio. Paghi per usarlo.

E mentre paghi per usarlo, allora tanto vale includere l’uso dei nostri server, includere gli aggiornamenti, includere l’assistenza.

L’unica cosa che devi pagare una-tantum sono le attività che dobbiamo fare per farti partire (se vuoi saperne di più chiamaci e ti spieghiamo tutto).

Ma la cosa importante è che Vettore.Medical lo puoi avere senza doverlo comprare.

Se hai altri dubbi su questo argomento, non esitare a scrivermi.

E comunque sia, la cosa migliore da fare è sempre e solo una… vedere Vettore.Medical.

Per farlo clicca sul link e vai alla pagina per richiedere una demo.
[Clicca qui]

Alla prossima.

Stefano Rosini
Vettore.Medical

Download PDF
Comments are closed.