Sapevate che ci sono nuovi soggetti obbligati a procedere al Sistema TS? E dal 2020 scatta l’obbligo della tracciabilità delle spese sanitarie?

Come sapete entro il 31 gennaio 2020 gli operatori sanitari sono chiamati a comunicare i dati relativi al Sistema TS, ovvero le informazioni e gli importi percepiti relativamente alle spese del 2019, che rientreranno nel modello 730/2020 precompilato.

La novità è l’estensione d’obbligo a queste 19 nuove tipologie di esercenti, che sono stati individuati dal Decreto del 22 novembre 2019, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 04.12.2019 n. 284, e sono gli iscritti all’albo della professione sanitaria di:

  • tecnico sanitario di laboratorio biomedico;
  • tecnico audiometrista;
  • tecnico audioprotesista;
  • tecnico ortopedico;
  • dietista;
  • tecnico di neurofisiopatologia;
  • tecnico fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare;
  • igienista dentale;
  • fisioterapista;
  • logopedista;
  • podologo;
  • ortottista e assistente di oftalmologia;
  • terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva;
  • tecnico della riabilitazione psichiatrica;
  • terapista occupazionale;
  • educatore professionale;
  • tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro;
  • assistente sanitario;
  • e gli iscritti all’albo dei biologi.

Mancano pochi giorni all’invio dei dati, pertanto i nuovi soggetti obbligati hanno poco tempo per procedere all’accreditamento al Sistema TS.

Per i Poliambulatori e i Centri Medici che adottano Vettore.Medical tutto il processo è semplificato dall’invio dei dati in modo automatico da parte del gestionale.

Tutte le informazioni sono a portata di click e diventa così più facile raccoglierle e inviarle dal software.

A partire dal primo gennaio 2020 cosa cambia?

L’introduzione del principio di tracciabilità è novità assoluta, che prevede il diritto di effettuare la detrazione solo per le spese pagate con carte di credito, bancomat, bonifici bancari o postali e assegni.

Il contribuente dovrà conservare le ricevute dei bonifici, le ricevute di avvenuta transazione per i pagamenti con carte o la documentazione di addebito sul conto corrente e il giustificativo della spesa (scontrino, ricevuta o fattura).

Per poter usufruire della detrazione al 19%, il contante potrà essere usato solo per:

  • Spese per l’acquisto di medicinali;
  • Acquisto di dispositivi medici;
  • Prestazioni sanitarie, siano essere pubbliche o private, accreditate al Sistema Sanitario Nazionale (SSN).

C’è da ricordare che medici, farmacie e altri operatori comunicano già al Sistema TS molte tipologie di spese mediche. Che poi confluiscono nella Dichiarazione dei redditi precompilata.

Per giunta, dal 1° gennaio la comunicazione dei dati del 730 prevede anche l’indicazione dello strumento di pagamento (contanti o mezzo tracciabile).

Infatti Vettore.Medical ha già inserito l’indicatore dei valori:
•«SI» utilizzo di strumenti di pagamento tracciato;
•«NO» pagamento in contanti.

Non esitare contattataci, Vettore.Medical può essere il tuo alleato per un Poliambulatorio di successo.

Articoli recenti

Commenti recenti